1977

Honda

CB 125 S

Primo modello prodotto in Italia, nella fabbrica di Atessa, segna l’ingresso dei giapponesi sul mercato europeo come costruttori. Una sfida vinta pur se l’inizio fu travagliato.

A guardarla con gli occhi d’oggi suscita quasi tenerezza, questa prima Honda prodotta in Italia. Con le sue dimensioni certo più adatte ai sedicenni asiatici che ai ragazzi europei, ha dovuto farsi strada, prima ancora che sul mercato, nelle maglie di una politica che osteggiava l’insediamento sul territorio nazionale della fabbrica italo/nipponica. E nonostante quel suo aspetto da “motoleggera” (in un momento in cui l’industria nazionale cominciava a proporre mezzi sempre più sofisticati e prestazionali) riuscì nel compito che le era stato affidato. L’azienda IAP/Honda Italia crebbe negli anni fino a diventare un’emanazione della casa madre giapponese in un contesto in cui, dai mezzi molto economici proposti alla sua nascita si passò addirittura alla produzione di modelli Honda destinati ai mercati di tutto il mondo. Ma torniamo a questa CB 125 S che pur mostrandosi come un mezzo economico in realtà era costruita molto bene, essendo dotata di componenti all’epoca ancora poco diffusi e non obbligatori. Si veda ad esempio l’utilizzo di ben due specchi retrovisori, l’adozione degli indicatori di direzione come anche di una strumentazione completa dotata pure del contagiri. Inoltre gadget come il gancio porta casco e lo sportellino per il tappo del serbatoio le conferivano un’aria da “grande” . La cura costruttiva si poteva riscontrare anche nel motore, che lasciava trasparire le sue qualità fin dall’aspetto; una volta messo in moto poi, manifestava una totale assenza di vibrazioni ed una gradevolissima erogazione, pur con una potenza ridotta. Altri punti a favore il consumo ridotto, a livello di ciclomotore, e la costanza di prestazioni senza denotare affaticamento. Un piccolo neo era costituito dalla forcella, invero un po’ sottodimensionata, che procurava qualche esitazione a livello di stabilità pur senza inficiare la sicurezza, viste le scarse velocità in gioco. Anche nel reparto frenante si riscontravano delle scelte volte al risparmio, con l’adozione di un freno a disco a comando meccanico per la ruota anteriore e di un tamburo al posteriore. In questo caso però niente si poteva rimproverare ai tecnici in quanto a bontà del rendimento, adeguato alle prestazioni del mezzo. Come si vede quindi questa motocicletta era un mezzo onesto e perfino gradevole da guidare, offerto all’epoca ad un prezzo molto concorrenziale. Fu capace di ritagliarsi un suo spazio sul mercato, adeguatamente sostenuta dall’ azienda che varò addirittura un campionato monomarca in cui propose una versione “kit” che prese il nome di Endurance.

pdf : uso e manutenzione

pdf : manuale di officina

CB 125 T-T 2

Trovate la prova di questa moto nelle seguenti riviste:

Motosprint      n° 15   del 1978

Motociclismo  n° 12   del 1977

Scheda tecnica    dati riferiti al modello 1977
MOTORE
Tipo
monocilindrico quattro tempi
Raffreddamento
ad aria
Distribuzione
monoalbero in testa comandata da catena
Alesaggio e Corsa
mm. 56,5 x mm. 49,5
Cilindrata
124 cc.
Rapporto di compressione
9,2:1
Fasatura
/
Alimentazione
benzina super
Carburatore
Dell’Orto VHBZ 22 GS
Lubrificazione
con pompa ad ingranaggi
Trasmissione
primaria ad ingranaggi con denti dritti, secondaria a catena
Frizione
a dischi multipli in bagno d’olio
Cambio

in blocco a 5 marce, rapporti interni:

1° 2,769 – 2° 1,882 – 3° 1,100 – 4° 1,173 – 5° 1,000

Potenza dichiarata
cv 14  a 10.000 giri/minuto
Coppia dichiarata
kgm 1 a 9.000 giri/minuto
IMPIANTO ELETTRICO
 
Avviamento
a kick starter
Accensione
a spinterogeno
Candela
NGK D8ESL
TELAIO
 
Tipo
trave superiore in lamiera scatolata, culla inferiore aperta
Sospensione anteriore
forcella telescopica Paioli Ø mm. 28
Sospensione posteriore
forcellone oscillante a due bracci, con ammortizzatori telescopici Sebac
 
RUOTE e FRENI
 
Pneumatici
 
Ruota anteriore
cerchio a raggi in acciaio, misura 2,75 x 18
Ruota posteriore
cerchio a raggi in acciaio, misura 3,00 x 17
Freno anteriore
a disco Ø mm. 240 con comando meccanico
Freno posteriore
a tamburo centrale Ø mm. 130
 
DIMENSIONI e PESO
 
Interasse
mm. 1200
Altezza sella
mm. 760
Luce a terra
mm. 180
Capacità serbatoio
litri 10
Peso a secco
kg. 100